Sondaggio

Per quale coalizione voti (se voti)?

Polo delle libertà (Silvio Berlusconi)
0 (0%)
Italia. Bene Comune (Pier Luigi Bersani)
7 (41.2%)
Con Monti per l'Italia (Mario Monti)
1 (5.9%)
Rivoluzione Civile (Antonio Ingroia)
0 (0%)
MoVimento 5 Stelle (Beppe Grillo)
7 (41.2%)
Fare per Fermare il Declino (Oscar Giannino)
0 (0%)
Altro
1 (5.9%)
Mi astengo
1 (5.9%)
Scheda bianca
0 (0%)
Scheda nulla
0 (0%)

Totale votanti: 17

Le votazioni sono chiuse: 24 Febbraio 2013, 17:43:02

*

labrumdelm

  • ***
  • Good Good Friend
  • 691
  • "ominous, bombastic"
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #15 il: 23 Febbraio 2013, 21:59:56 »
Grazie Ser per il bell'intervento, condivido in toto quello che pensi sul Mo' Vi Mento e aggiungerei anche qualcos'altro (sia di positivo che di negativo, ma non è il luogo)..
E sono d'accordo anche che non è vero che i giovani non si interessano di politica, magari sono più disorientati e disillusi dei "giovani di un tempo" ma il loro interesse non lo credo diverso da quello dei loro genitori. Penso invece che ci sia una difficoltà diffusa a entrare nei problemi e farsi un'opinione sulle questioni e sulle proposte, più che sulle etichette, sui proclami e sugli attacchi, questo almeno stando alla qualità dell'informazione politica in TV e sui giornali (che da sola non basta, è parziale e tende a rendere tutto spettacolo o gossip). Mi piacerebbe molto avere, per esempio nella mia città, dei gruppi di giovani e meno giovani che si ritrovano a pensare a proposte concrete riguardo i vari temi, da proporre a chi ci rappresenta. Qulcuno ce n'è, ma dovrebbero farlo nelle scuole, dovrebbero farlo tutti!

Personalmente non mi ritrovo più di tanto invece sul tenore degli atri interventi: "siamo tutti ignoranti, tutti i politici rubano, votiamo il meno peggio." Io mi sono sempre bene o male interessato di politica, ho una mia opinione, c'è un partito il cui progetto e le cui idee mi rappresentano più di altri (il PD). Nonostante ciò non ho mai avuto la tessera di un partito e mi sono sempre guardato intorno e confrontato con altre realtà politiche, mai pensando di essere obbligato a votare sempre dalla stessa parte. Credo però che i partiti siamo fondamentali per vivere in democrazia, perché garantiscono agli elettori che chi li rappresenta non rappresenta solo sé stesso ma rappresenta una collettività.
Detto questo, negli ultimi mesi mi sono dato per la prima volta alla politica attiva (alla cosiddetta militanza) per sostenere Matteo Renzi alle primarie. È stata un'esperienza bellissima ed entusiasmante, e lo dico senza retorica, che mi ha insegnato moltissimo sulla politica e fatto crescere umanamente. Tra le cose migliori che ho imparato c'è sicuramente che la politica è fatta di PERSONE, che hanno pregi, difetti, idee, sogni e stili differenti che si possono non condividere ma che sono forse la più straordinaria risorsa con cui noi cittadini abbiamo a che fare. Cioè: in questi mesi ho conosciuto meglio (già un po' li conoscevo) consiglieri regionali, parlamentari, il mio sindaco e forse futuro ministro, tante persone belle che si spendono e ci mettono la faccia e la vita e intessono relazioni e scambiano idee. Così come tanta gente che si interessa, si entusiasma, dà una mano, collabora per cercare di miglirare veramente le cose. È stato bello capire che non sono solo dei nomi o delle facce che vedi in televisione ma anzi sono persone da cui puoi andare a dire la tua, a cui puoi proporre, che ci tengono ad ascoltare e da cui si ha tanto da imparare.
Quindi, per rispondere alla mia domanda di prima rispondo così: io ho scelto perché ho conosciuto e mi sono messo in ascolto di persone che si smazzano, con le loro storie e le loro idee e i loro stili che di solito condivido (ma a volte no, per fortuna). Se li conosci e le stimi è più facile dargli la propria fiducia..


Domani andiamo a votare, facciamo anche noi la nostra parte e sentiamoci coinvolti!
..come and see - A ME PIACE STAND UP!<br /><br />coi giri armonici più semplici si possono fare cose sublimi<br />ma è molto più difficile<br />però se arriva arriva (l.c.)<br />                                                                                 (francesco)

*

corsina

  • Con-Fusion Staff
  • *****
  • 14117
  • Production Lady
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #16 il: 24 Febbraio 2013, 09:08:43 »
Lo ripeto, la sinistra, come sempre da alcuni anni a questa parte, mi ha deluso ed ha fatto un gravissimo errore facendo  fuori Renzi (non dimentichiamo che Berlusconi è stato a guardare e quando ha visto che Renzi non ha vinto le primarie si è fatto avanti prepotentemente, NON l'avrebbe fatto se Renzi avesse vinto, questa è stata una mossa kamikaze della sinistra). Il tuo intervento, labrundelm, è bellissimo, grazie per averlo condiviso. Cosi come è splendido l'intervento di serclizia che è la prospettiva di un giovane vissuto "con Berlusconi".

Quando scrivevo che i giovani non si interessano di politica, intendevo che non ci sono in Italia (e azzardo a dire che non sono mai esisititi) giovani politici che abbiano poi sviluppato, anche all'interno dei partiti, una concezione politica che rinnovasse lo status quo in maniera determinante, non mi riferisco alle associazioni, simpatizzanti o all'interesse dei giovani, di alcuni giovani (che purtroppo, sono cresciuti, come dice Serclizia, nell'era Berlusconi e quindi in un momento storico realmente asfittico e privo di prospettive per loro). La rabbia, la frustrazione possono essere una molla vitale se non diventa, come sta accadendo, una rabbia distruttiva e aggressiva di cui Grillo sta cavalcando l'onda irretendo anche coloro che sono stanchi ed affamati di cambiamento.
 Ho vissuto anch'io qualche anno in Regione Lombardia ed è questa la cosa che mi colpisce di più. La politica italiana è fatta di vecchi e la max parte dei giovani che ho conosciuto sono al seguito dei vecchi, con poche eccezioni che poi vengono epurate (vedi Renzi). Ed ho conosciuto anch'io politici, di varia estrazione, che hanno per anni dedicato la loro vita alla res pubblica, in maniera pulita e intelligente e che hanno deciso, in questo momento storico di grande confusione, di abbandonare il lavoro attivo perchè sono stati emarginati dal sistema e preferiscono continuare ad occuparsi della cosa pubblica sul territorio, intensificando le loro attività di volontariato e sostenendo, in queste elezioni politiche, le persone che se lo meritano. Ora è facile dire ma noooo proprio tu devi invece restare, sono le persone oneste che hanno lavorato bene che devono restare! ma io che conosco personalmente queste persone e so il sangue e il dolore che hanno lasciato per strada, a loro spese, li capisco. Qui in Lombardia siamo ostaggio di una potenza economica che si è ramificata sul territorio in maniera fortemente radicata e nessuno può espellere. E' questo che mi spaventa, capisci?

Questa è la prima volta in vita mia in cui sto prendendo seriamente in considerazione l'idea di migrare all'estero, perchè sento che non ho più prospettive qui e io sono un medico ospedaliero che, tutto sommato, un lavoro ce l'ha, ma che ha visto, negli ultimi anni aumentare esponenzialmente il proprio carico di lavoro -non si assume più, sotto organico e a partire dal mese di novembre di ogni anni le aziende ospedaliere hanno finito i soldi e manca anche la carta igienica in reparto! per non parlare del fatto che negli ultimi due anni il mio stipendio da "statale", perchè siamo dipendenti statali a cui si chiede l'eccellenza delle aziende, è diminuito, si diminuito sensibilmente, grazie ad un'emorragia di tasse che ci vengono tolte direttamente dalla busta paga. Tradotto in parole povere: io devo raddoppiare le mie ore di lavoro per raggiungere gli obiettivi che mi impongono (e che sono per la maggior parte burocratici), devo raddoppiare le mie guardie perchè non c'è personale, se mi ammalo entro i primi 3 giorni mi tolgono 90 euro lordi, costringendomi all'assenteismo e  a prolungare la malattia, piuttosto che tornare al lavoro con la febbre, come ho sempre fatto, ma il mio stipendio è diminuito. E siccome non sono italiana, sono nata all'estero, ho viaggiato molto all'estero e ho vissuto molto all'estero, non mi sono mai sentita italiana, nè al sud -dove vive tutta la mia famiglia e da cui sono scappata perché i miei coscritti laureati in medicina (ho 51 anni suonati) giù hanno ancora dei contratti precari a tempo determinato. Né qui al nord, nella "ricca e operosa Lombardia" dove gli ospedali e tutto ciò che sul territorio ruota attorno agli ospedali è saldamente in mano a CL, il ché vuol dire non soltanto sottostare alle leggi economiche di un governo che ha dissipato le risorse, ma soprattutto sottostare alla loro cultura che subdolamente ma prepotentemente si è permessa di ingerire pesantemente nel nostro lavoro di medici. Faccio un esempio pratico: in tutta l'Italia esiste una legge sull'aborto terapeutico, quello che permette alla donna di abortire dopo il primo trimestre se ci sono "le condizioni FISICHE o PSICHICHE che mettono in pericolo la vita della donna. In tutta Italia questa pratica viene gestita dai ginecologici e, solo se vi sono le condizioni cliniche, anche dallo psichiatra. Formigoni in Lombardia si è inventato una circolare REGIONALE che costringe i ginecologi a interpellare SEMPRE lo psichiatra, qui in Lombardia l'aborto terapeutico si può fare solo se esiste la certificazione ginecologica E quella psichiatrica. Battaglie nel nostro ospedale (dove sono la consulente della ginecologia) finché coi ginecologi abbiamo raggiunto un accordo DI BUON SENSO che è diventata una procedura condivisa.

Scusate lo sfogo e buon voto a tutti
« Ultima modifica: 24 Febbraio 2013, 09:11:07 da corsina »
My Love I love to stay here....

*

Maria

  • Collaboratore
  • *****
  • 2452
    • Mostra profilo
    • faccialibro
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #17 il: 24 Febbraio 2013, 13:35:12 »
Spoiler: mostra
Questa è la prima volta in vita mia in cui sto prendendo seriamente in considerazione l'idea di migrare all'estero, perchè sento che non ho più prospettive qui e io sono un medico ospedaliero che, tutto sommato, un lavoro ce l'ha....
Negli ultimi mesi ho sentito molte persone valutare questa ipotesi più che seriamente e tante altre metterla in pratica.
Da quelli che non hanno lavoro e si arrangiano saltellando da un impieguccio temporaneo all'altro, a famiglie con bambini e cani al seguito.
Noi stessi (Maria&Franz), insieme ad una coppia di amici, stiamo prendendo in considerazione il trasferimento all'estero alla ricerca di un cambiamento e di una spinta che qui non siamo riusciti ad avere. Il lavoro fisso lo abbiamo e ci sentiamo fortunati per questo, ma -con i chiari di luna che ci sono ultimamente- non sappiamo quanto ancora potremo tirare avanti.... Mi aspetto di arrivare una mattina e di trovare il portone chiuso, sono sincera....
Forse sbagliamo ma l'assenza più totale di lavoro, le travi che le banche riescono a metterti fra le ruote e la situazione generale del nostro paese non invogliano di certo a restare per provare a (ri)cominciare.

E siccome non sono italiana, sono nata all'estero, ho viaggiato molto all'estero e ho vissuto molto all'estero, non mi sono mai sentita italiana...
Una mia carissima amica, di origini colombiane, la settimana scorsa mi ha detto di voler rinunciare alla cittadinanza italiana per quella colombiana con la speranza che da extracomunitaria possa avere più sevizi ed aiuto per mantenere le sue due figlie. Lei non vuole più essere italiana. Come si fa ad arrivare a questo?????
Quando è rimasta incinta non le hanno rinnovato il contratto (successo anche ad altre 2 ragazze, che sono passate per vie legali e si sono fatte riassumere a tempo indeterminato, spendendo un sacco di soldi) e da allora ha fatto qualsiasi cosa le capitasse, dalle pulizie all'addetta alle spedizioni per amazon, ma ancora non ha trovato nessuno che le abbia dato la possibilità di campare degnamente per più di 3 o 4 mesi. Paga 1000 dindini di scuola materna al mese, non può permettersi la macchina e quando si presenta ad un colloquio la prima cosa che le dicono è << sappia che il contratto è solo per 6 mesi, salario minimo e non ha permessi nè malattia>>.
Anche per lei anni di studi, viaggi, lauree, vita all'estero per farsi le più svariate esperienze lavorative...per cosa? Fino al mese scorso era intenzionata a trasferirsi a Londra per raggiungere degli amici andati a cercare fortuna, poi per problemi personali non è partita.
E' vero, è abbastanza sfigata, le ci vorrebbe un occhio malocchio prezzemolo e finocchio! Corsina hai ancora la borsina magica? APRILA E FAI USCIRE LA BUONA SORTE!! :P

Un'altra amica, dopo essersi trovata in mezzo ad una strada senza preavviso, ha cercato di mettersi in proprio sfruttando i suoi studi per realizzare un sogno, ma fino ad ora ha trovato solo muri e porte sbattute in faccia. Viviamo da vicino la sua situazione perchè oltre che amici siamo suoi fornitori. Visto il costo basso di ciò che le serve per cominciare la riforniamo senza farla pagare, con la speranza che riesca ad ingranare; non potrebbe sostenere i veri costi delle materie prime e non avendo garanzie non le viene dato aiuto. Fino ad ora ha investito tanto, sono fiera di lei per l'impegno e la costanza, ma non credo che andrà lontano (questo però non glielo dico, è sempre Forza Lysa!! :mrgreen)

A parte tutto le prospettive non ci sono davvero e questo mi spaventa[/spoiler]

Scusate tutto questo è OT, ma Corsina mi ha fatto pensare.
Se anche chi come lei, con un buon lavoro, ritiene di non avere prospettive in Italia, chi non ha neppure quello come deve comportarsi, che garanzie gli vengono offerte, con che spirito andrà a votare oggi?
A me sembra che i nostri politici siano più impegnati a farsi la guerra fra di loro che a dare un futuro a questo paese disgraziato.
Fra gli italiani non c'è spirito di cambiamento e voglia di rivoluzione perchè ormai non ci crede più nessuno, perchè siamo un popolo disilluso dalle ripetute inchiappettate.

Non sono brava ad argomentare perchè non me ne intendo, parlo solo delle mie sensazioni. :(
D&T - Milano 04.03.07
DMB - Lisbona 25.05.07
DMB - Lucca 05.07.09
DMB - Lisbona 11.07.09
DMB - West Palm Beach 14.08.09
DMB - West Palm Beach 15.08.09
DMB - Milano 22.02.10
DMB - Roma 23.02.10
DMB - Padova 25.02.10
DMB - Milano 17.10.2015
DMB - Firenze 18.10.2015
DMB - Padova 21.10.2015

*

Quito

  • Collaboratore
  • *****
  • 1659
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #18 il: 24 Febbraio 2013, 21:15:53 »
Volevo solo ringraziarvi per le vostre parole.
Mi sono ritrovato in tutto quello che avete scritto, le parole di kant, di labrumdelm, di Corsina, di Ali, di Maria, di serClizia sono anche le mie.
E' bello constatare che anche qui ci sono persone che la pensano come me, e oltretutto su cose che si allontanano un bel po' dalla musica.

Il mio intervento non vale niente in confronto ai vostri, non è nemmeno un intervento, ma ci tenevo a ringraziarvi.
 
Nei giorni passati avevo pensato di scrivere una cosa molto (o forse solo un po') polemica, ma alla fine anche a causa dei molti impegni ho lasciato stare.
Forse lo farò un'altra volta.


"Fidati dei sogni.
 Fidati del tuo cuore, e fidati della tua storia."
                                                               Neil Gaiman

*

kant

  • ***
  • Good Good Friend
  • 723
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #19 il: 25 Febbraio 2013, 02:02:25 »

Personalmente non mi ritrovo più di tanto invece sul tenore degli atri interventi: "siamo tutti ignoranti, tutti i politici rubano, votiamo il meno peggio."

Io non so quanti anni hai e non so dove vivi, io ho 47 anni e ho sempre vissuto a Roma. Quindi sii indulgente con chi è sempre vissuto dove questa politica si respira da sempre e che magari ha anche un po’ di nausea.  Vedi,  al liceo avevo un compagno di scuola .. suo padre si presentava alla camera non ricordo per quale partito, ma non ha alcuna importanza (nemmeno per lui). Mi diceva convinto che essere eletto era un affare. Le stime erano (mi è rimasto nella memoria): si spende circa un miliardo (di lire) per essere eletto ma se ne rifanno dieci, con tutte le varie commesse prebende e così via. Ed era una cosa normale. E dopo quell’episodio tutto ciò che ho respirato ha sempre confermato che il movente era sempre quello. Detto ciò, sentire che c’è gente che fa politica per passione e per cercare di migliorare la vita reale delle persone mi fa commuovere. Lo dico sinceramente. E ci credo, veramente. Se quelle persone riusciranno a mantenere lo spirito senza perderlo per strada (come sono stati costretti a fare in tanti) o senza essere irrimediabilemte espulsi dalla vita politica, credo che avremo fatto un passo avanti enorme.

Lo ripeto, la sinistra, come sempre da alcuni anni a questa parte, mi ha deluso ed ha fatto un gravissimo errore facendo  fuori Renzi (non dimentichiamo che Berlusconi è stato a guardare e quando ha visto che Renzi non ha vinto le primarie si è fatto avanti prepotentemente, NON l'avrebbe fatto se Renzi avesse vinto, questa è stata una mossa kamikaze della sinistra).

A me Renzi non dispiaceva affatto, avremmo potuto veramente respirare aria nuova. Però non credo proprio che Berlu non si sarebbe ricandidato… Sì forse la sinistra ha perso un’occasione, forse per provare a dare una sterzata decisa che, con tutta la stima per Bersani, che credo sia una brava persona, non c’è stata e non credo che ci sarà.
La mia sensazione è che lo scollamento tra chi dovrebbe legiferare e i problemi reali sia spaventoso. Perché quando vedi quali sono le leggi che tirano fuori dal cilindro ti chiedi “ma in quale paese vivono?”. Dovrebbero venire qui a leggere i post di un sito di musica per vedere quello che racconta Corsina sugli ospedali… oppure vedere tutte le sere Le Iene per scoprire che pastoie burocratiche fanno morire i bambini per mancanze di cure…

Questa è la prima volta in vita mia in cui sto prendendo seriamente in considerazione l'idea di migrare all'estero, perchè sento che non ho più prospettive qui e io sono un medico ospedaliero che, tutto sommato, un lavoro ce l'ha, ma che ha visto, negli ultimi anni aumentare esponenzialmente il proprio carico di lavoro -non si assume più, sotto organico e a partire dal mese di novembre di ogni anni le aziende ospedaliere hanno finito i soldi e manca anche la carta igienica in reparto! per non parlare del fatto che negli ultimi due anni il mio stipendio da "statale", perchè siamo dipendenti statali a cui si chiede l'eccellenza delle aziende, è diminuito, si diminuito sensibilmente, grazie ad un'emorragia di tasse che ci vengono tolte direttamente dalla busta paga. Tradotto in parole povere: io devo raddoppiare le mie ore di lavoro per raggiungere gli obiettivi che mi impongono (e che sono per la maggior parte burocratici), devo raddoppiare le mie guardie perchè non c'è personale, se mi ammalo entro i primi 3 giorni mi tolgono 90 euro lordi, costringendomi all'assenteismo e  a prolungare la malattia, piuttosto che tornare al lavoro con la febbre, come ho sempre fatto, ma il mio stipendio è diminuito. E siccome non sono italiana, sono nata all'estero, ho viaggiato molto all'estero e ho vissuto molto all'estero, non mi sono mai sentita italiana, nè al sud -dove vive tutta la mia famiglia e da cui sono scappata perché i miei coscritti laureati in medicina (ho 51 anni suonati) giù hanno ancora dei contratti precari a tempo determinato. Né qui al nord, nella "ricca e operosa Lombardia" dove gli ospedali e tutto ciò che sul territorio ruota attorno agli ospedali è saldamente in mano a CL, il ché vuol dire non soltanto sottostare alle leggi economiche di un governo che ha dissipato le risorse, ma soprattutto sottostare alla loro cultura che subdolamente ma prepotentemente si è permessa di ingerire pesantemente nel nostro lavoro di medici. Faccio un esempio pratico: in tutta l'Italia esiste una legge sull'aborto terapeutico, quello che permette alla donna di abortire dopo il primo trimestre se ci sono "le condizioni FISICHE o PSICHICHE che mettono in pericolo la vita della donna. In tutta Italia questa pratica viene gestita dai ginecologici e, solo se vi sono le condizioni cliniche, anche dallo psichiatra. Formigoni in Lombardia si è inventato una circolare REGIONALE che costringe i ginecologi a interpellare SEMPRE lo psichiatra, qui in Lombardia l'aborto terapeutico si può fare solo se esiste la certificazione ginecologica E quella psichiatrica. Battaglie nel nostro ospedale (dove sono la consulente della ginecologia) finché coi ginecologi abbiamo raggiunto un accordo DI BUON SENSO che è diventata una procedura condivisa.

Scusate lo sfogo e buon voto a tutti
Io faccio il commercialista e lo Stato ormai ci costringe a lavorare per lui, per  fare un lavoro che non riesce a fare. Ogni sei mesi aggiunge un onere in più o un adempimento obbligatorio, tanto è gratis. E andrà sempre peggio. Poi fanno leggi che mandano in vigore senza spiegare come funzionano nella pratica, senza sapere i disastri che provocano nel mondo economico, perché non lo conoscono! (e magari fanno uscire una bella circolare due giorni prima della scadenza facendoci fare le nottate). Le aziende stanno chiudendo o nella migliore delle ipotesi non pagano più tasse, dipendenti (e commercialisti..). Lo Stato (regioni, comuni. Etc) chiede i certificati contributivi alle aziende prima di pagarle per i servizi ricevuti. Peccato che le aziende dovevano pagare i contributi con  quegli stessi soldi che avrebbero dovuto ricevere dallo Stato nove o  dodici mesi prima (ma anche 18, per esperienza personale..). Insomma anche qui è un bel quadretto.  In queste condizioni sta diventando veramente difficile lavorare.. Anche io (che invece sono italianissimo) penso da un po’ ad andare fuori, ma non so serve più coraggio ad andarsene o a rimanere. Credo a rimanere. Per ora sono coraggioso.
Ah.. scusate anche me per lo sfogo..



*

domege

  • Con-Fusion Staff
  • *****
  • 1573
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #20 il: 25 Febbraio 2013, 19:41:26 »
dopo avere visto i risultati elettorali quasi definitivi ..
posso dire che il vero vincitore è berlusconi ...
tutto il resto sono chiacchere ..perche se i grillini si sapeva che ne prendevano tanti di voti
pensavo che la desta o i centristi si buttavano su monti ..ci sarebbe stata sicuramente  un governo di  responsabilita 'nazionale con i grillini a fare da vera opposizione ...
come scenario non mi sarebbe del tutto dispiaciuto ..ma il fattore " puttaniere e i suoi clienti " ha mandato all aria il banco ..
bene adesso che si va a rivotare lo riovtero' anch'io perche rivotare un candidato in lombardia indagato con tutta la sua giunta ( intercettazioni allucinanti con gente che si pagava le cene ed i le lampade con i soldi dei contribuenti )
vuol dire che questo paese ha perso di vista cosa vuol dire onesta' e e pensare al paese ..
quinidi ci meritiamo altri 20 anni  di quest'uomo e di tutta la sua cricca....




*

serClizia

  • ****
  • Bartender
  • 1179
  • I Love You Everyday Moore.
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #21 il: 26 Febbraio 2013, 04:46:59 »
beh, almeno voi avete un lavoro, io faccio l'insegnate per un'associazione (a nero) e per fare i sottitoli non mi paga nessuno  :dance prendere casa? sposarsi? fare figli? haahahhaahhaha!
I'm the King of the castle, you're the dirty rascal...
05/07/2009 - Lucca
23/02/2010 - Roma

*

lecco

  • ***
  • Good Good Friend
  • 891
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #22 il: 26 Febbraio 2013, 08:22:24 »
il vero risultato di queste elezioni è ancora una volta lo stesso: i nostri (nostri nel senso che sono lo specchio della nostra società) politici non hanno voluto dare una svolta: per fare questo sarebbe bastato fare una legge elettorale degna di questo nome, ma anche questa volta hanno pensato solo alla protezione del loro orticello;

ci ritroviamo così a questo punto, in un delicatissimo momento storico politico-sociale, con uno schieramento che da solo non potrà governare (come chiunque poteva prevedere) e che coalizzandosi con altri difficilmente potrà fare qualcosa di concreto (almeno vedendo quello che è successo in passato): cosa fare? sperare in un miracolo? mah
28.06.1996 - Milano
10.07.1998 - Correggio
05.07.2009 - Lucca
22.02.2010 - Milano
25.02.2010 - Padova

*

sonor

  • ****
  • Bartender
  • 1072
    • Mostra profilo
    • MySpace
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #23 il: 26 Febbraio 2013, 09:54:33 »
stiamo inguaiati.... :( :(
DMB - Lucca 05.07.09
DMB - Milano 22.02.10
DMB - Roma 23.02.10
DMB - Padova 25.02.10


http://www.myspace.com/ovidio_catanzano

*

Ali#41

  • Collaboratore
  • *****
  • 730
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #24 il: 26 Febbraio 2013, 11:53:02 »
Io ero pessimista sì, ma un risultato così catastrofico proprio non me lo aspettavo....
Non commento, ho bisogno di rifletterci qualche giorno, forse mese, o forse non me lo spiegherò mai...
 :neutral

E pensare che mi sono alzata alle QUATTRO e MEZZA per venire a votare.............  :doh

Unica cosa positiva della giornata di ieri: la signorina al seggio ha chiesto conferma prima di darmi anche la scheda per il Senato... cara...  :dearfriend

Comunque i discorsi che sono venuti fuori in questo topic sono molto interessanti, magari quando mi riprendo dallo shock vi lascio qualche mia considerazione.

*

corsina

  • Con-Fusion Staff
  • *****
  • 14117
  • Production Lady
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #25 il: 26 Febbraio 2013, 19:30:59 »

A me Renzi non dispiaceva affatto, avremmo potuto veramente respirare aria nuova. Però non credo proprio che Berlu non si sarebbe ricandidato…



E invece è proprio così, credimi, non è un'ipotesi/considerazione, è esattamente quello che sarebbe successo, lo so per certo

per il resto concordo in toto con lecco, mi era sfuggita questa cosa nel mio sfogo, la piaga della legge elettorale.....
My Love I love to stay here....

*

domege

  • Con-Fusion Staff
  • *****
  • 1573
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #26 il: 26 Febbraio 2013, 19:47:33 »

A me Renzi non dispiaceva affatto, avremmo potuto veramente respirare aria nuova. Però non credo proprio che Berlu non si sarebbe ricandidato…



E invece è proprio così, credimi, non è un'ipotesi/considerazione, è esattamente quello che sarebbe successo, lo so per certo

per il resto concordo in toto con lecco, mi era sfuggita questa cosa nel mio sfogo, la piaga della legge elettorale.....
sono d'accordo totalmente con voi mi aspettavo stamattina che bersani e vendola si dimettessero sarebbe stato un atto di responsabilita' e di vero cambiamento ...pero credetemi il berlusca al 29 % non se l aspettava nessuno
spero che servi da lezione e anche a grillo dico : vediamo cosa sai fare ...

*

kant

  • ***
  • Good Good Friend
  • 723
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #27 il: 26 Febbraio 2013, 22:09:02 »

A me Renzi non dispiaceva affatto, avremmo potuto veramente respirare aria nuova. Però non credo proprio che Berlu non si sarebbe ricandidato…



E invece è proprio così, credimi, non è un'ipotesi/considerazione, è esattamente quello che sarebbe successo, lo so per certo

per il resto concordo in toto con lecco, mi era sfuggita questa cosa nel mio sfogo, la piaga della legge elettorale.....
Bé... certo allora vuol dire che di Renzi non avrebbe avuto paura e di Bersani sì. Oppure no... non si sarebbe candidato, sicuro di perdere contro Renzi, perchè il toscanaccio avrebbe raccolto voti dai centristi delusi...non lo so. So solo che con Renzi il PD avrebbe pescato a grappoli tra i grillini e tra i berluschini. Tra i grillini avrebbe preso i democratici di sinistra che non ne potevano più dello schifo e tra i berluschini i centristi fobicomunisti...

*

kant

  • ***
  • Good Good Friend
  • 723
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #28 il: 26 Febbraio 2013, 22:23:52 »
sono d'accordo totalmente con voi mi aspettavo stamattina che bersani e vendola si dimettessero sarebbe stato un atto di responsabilita' e di vero cambiamento ...pero credetemi il berlusca al 29 % non se l aspettava nessuno
spero che servi da lezione e anche a grillo dico : vediamo cosa sai fare ...
hai ragione Dome ma sono vent'anni... (scusa ho fatto una pausa nella risposta perché stavo sentendo Ballarò.. io sono l'uomo più pacifico del mondo  però quando sento parlare Sallusti mi vengono impulsi violenti incontrollabili...)..dicevo sono vent'anni che nessuno ha imparato la lezione (solo Grillo). Nella campagna elettorale e nella pubblicità non c'è lotta. Il puttaniere non ha rivali perché conosce la materia da forgiare...e gli altri pensano ancora che la gente voglia sentire le idee. Comunque il 29 non me lo aspettavo nemmeno io. Ma lui è un genio: dopo essere stato praticamente cacciato da tutti con tutta l'Europa esultante, dopo un anno ha sfiorato il premio di maggioranza alla camera: incredibile. Solo qui possono succedere queste cose: che grande Paese che siamo!!

*

domege

  • Con-Fusion Staff
  • *****
  • 1573
    • Mostra profilo
Re: Elezioni politiche 1° trimestre 2013
« Risposta #29 il: 26 Febbraio 2013, 23:11:16 »
sono d'accordo totalmente con voi mi aspettavo stamattina che bersani e vendola si dimettessero sarebbe stato un atto di responsabilita' e di vero cambiamento ...pero credetemi il berlusca al 29 % non se l aspettava nessuno
spero che servi da lezione e anche a grillo dico : vediamo cosa sai fare ...
hai ragione Dome ma sono vent'anni... (scusa ho fatto una pausa nella risposta perché stavo sentendo Ballarò.. io sono l'uomo più pacifico del mondo  però quando sento parlare Sallusti mi vengono impulsi violenti incontrollabili...)..dicevo sono vent'anni che nessuno ha imparato la lezione (solo Grillo). Nella campagna elettorale e nella pubblicità non c'è lotta. Il puttaniere non ha rivali perché conosce la materia da forgiare...e gli altri pensano ancora che la gente voglia sentire le idee. Comunque il 29 non me lo aspettavo nemmeno io. Ma lui è un genio: dopo essere stato praticamente cacciato da tutti con tutta l'Europa esultante, dopo un anno ha sfiorato il premio di maggioranza alla camera: incredibile. Solo qui possono succedere queste cose: che grande Paese che siamo!!
non so se è un genio il ..put ma si per una volta chiamiamolo per il suo nome , il berlusconi , sicuramente come i grandi generali conosce il campo di battaglia e anche le debolezze del nemico , ma se poi il nemico gioca sempre allo stesso modo è molto piu' facile vincere...detto questo l italiano mi ha molto deluso , l ho dico ultimamente tante volte , forse troppe ma non trovo altre parole , si la sinistra sbaglia ,monti sbaglia , grllo è bravo ma ditemi il vero motivo perche la gente lo rivota..perche io ancora non lo so ....